Vintage e retrò: due termini simili ma differenti

Vintage e retrò: due termini simili ma differenti

Sempre più spesso, mentre sorseggio un tè durante i momenti di pausa, sbircio foto e post su instagram. Trovo che ormai si condivida davvero di tutto! Anche un piatto di bresaola merita la sua stories! Non fatemi aggiungere altro.  Tra gli hashtag che sicuramente più mi appassionano, e che seguo, il mio preferito rimane #vintage. Pensateci, digitando un semplice hashtag si può davvero fare il giro del mondo e ‘conoscere’ modi di vedere le cose e di viverle diversi dal proprio. Non trovate?  Alcune persone hanno fatto del vintage, dall’abbigliamento all’arredamento, il proprio stile di vita. Adoro leggere le loro didascalie: pardon, ‘caption’… dove c’è scritto qualcosa di interessante e personale: si intende!Tutti voi conoscete la mia posizione. Mi piace molto mixare vecchi oggetti con altri più contemporanei sia nel vestire che nell’arredo. Non ho mai amato i ‘fanatismi’ in nessun settore della vita. Ma su una cosa non transigo! Sulla terminologia da utilizzare. Vintage e retrò, sono due termini diversi. Nonostante possano sembrare sinonimi il loro significato è diverso e ben definito.Una poltrona, prodotta di recente, che richiama lo stile del passato può essere definita retrò. Un orologio nuovo che ricorda il design degli anni ’50 merita l’appellativo di retrò. Con il termine, retrò, infatti, abbreviazione di retrospettivo, si intende uno stile culturale che si ispira alle mode passate, che rende omaggio ed incentiva all'utilizzo di tutto ciò che attualmente è definito "d'epoca".Il termine vintage, invece, deriva dal francese antico vendenge (vendemmia), che a sua volta indica i vini d'annata di pregio. Utilizzando la parola vintage, infatti, si indicano oggetti vecchi almeno di 20 anni e diventati nel tempo dei veri e propri oggetti cult, dei must have che hanno segnato a tal punto il costume e la cultura da essere ancora considerati preziosi e inimitabili. Nonostante siano passati decenni su decenni. Aggiungo un’altra cosa: gli oggetti vintage sono caratterizzati dall’utilizzo di materiali di altissima qualità! Questo vale per tutti gli oggetti dei vari settori prodotti tra il 1920 e il 1990: dall’arredamento all’abbigliamento, dalle auto d’epoca ai computer, dalle tv sino ad arrivare ai giochi che hanno fatto compagnia ai nostri genitori e, in molti casi, anche a parecchi di noi. Bene, cari vintage lovers, spero di avere fatto chiarezza sull’utilizzo di questi due termini perchè chi ama davvero questo settore non può confondere fischi con fiaschi. Ora riprendo a sorseggiare il mio tè e a mangiare un pasticcino alla frutta… tutto servito utilizzando porcellane really vintage ovviamente!    Share this post Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su linkedin Condividi su print Condividi su email Articoli Recenti SEGUIMI SU INSTAGRAM Instagram
Torna al blog